Nata a Roma, nel 1992.

Ho iniziato a scattare con la naturalezza della bambina che ero; curiosa, coraggiosa, mi sono fatta accarezzare gli occhi dai colori del mondo.

Crescendo, la necessità di esplorazione mi ha condotta verso elementi meno ordinari, sfiorando particolari spesso ignorati.
La consapevolezza della maturità ha affinato il mio gusto; l’ispirazione nasce da contrasti sociali, scenari sinistri, dall’armonia delle linee e dal bel colore carico, unito all’ubiquo senso di inquietudine.
Senza pianificazione, ho lasciato che l’onestà dell’istinto costruisse la mia visione fotografica della realtà.

Sono un’amante della lingua italiana e ho percorso un sentiero di ricerca linguistica; ho giocato con le parole, accostando alle immagini titoli che stimolassero l’osservatore, perché la fotografia può essere un intenso mezzo di riflessione.

Osservo i profili che ho intorno, nella mente i pensieri iniziano a danzare, si aggrovigliano nelle loro sfumature più varie… Ho bisogno di tradurre queste sensazioni, di Scattare e respirare.

 

Top